Cornetti sfogliati, ricetta senza latticini

Sono cornetti sfogliati, buoni e leggeri, farciti con marmellata di pesche, ma ottimi anche vuoti, oppure farciti come più vi piace, con cioccolata, marmellata ai frutti di bosco…date spazio alla fantasia.

Cornetti

La ricetta viene da Haras di coquinaria, letta e appuntata ormai diversi anni fa e preparata ciclicamente con le dovute modifiche personali. Per chi non mi conosce, specifico che sono intollerante al lattosio e quando cucino adatto le ricette alla mia necessità e anche in questo caso ho sostituito il burro con margarina vegetale a base di grassi NON idrogenati. Chi non ha problemi e lo preferisce, può prepararli con burro. Il procedimento è un pò lungo, ma credetemi, se vi dico che ne vale la pena 🙂

Ingredienti:

500 gr farina 00
50 gr zucchero a velo
10 gr sale
10 gr malto o miele
250 ml acqua
10 gr lievito fresco di birra
250 gr margarina per sfogliare + 50 gr farina
1 tuorlo + 2 cucchiai di acqua per spennellare

Per la glassa:

100 gr zucchero a velo
acqua qb

Procedura

Dividere l’acqua in due ciotole: in una sciogliete il lievito e il malto e nell’altra il sale.
Versate la farina e lo zucchero vanigliato nella ciotola dell’impastatrice, incorporatevi l’acqua salata e cominciate a far amalgamare piano il composto: quando la farina avrà cominciato ad assorbirlo, versateci il composto di acqua, lievito e malto.
Fate lavorare per circa 15 minuti (l’impasto dovrebbe risultare morbido e un po’ appiccicoso, ma staccarsi dalle pareti del recipiente), poi coprite con un panno umido e mettete a lievitare per 30 minuti in un ambiente tiepido. Trascorso il tempo, rompete la pasta coi pugni, fatela lavorare dall’impastatrice ancora un minuto, coprite con pellicola e mettete nella parte meno fredda del frigo a lievitare tutta la notte.
Preparatevi già il panetto di margarina per la mattina seguente: fatelo ammorbidire, lavoratelo con 50 gr farina
e modellatelo a forma di rettangolo. Mettetelo coperto in frigo fino alla mattina successiva.
La mattina schiacciate la pasta coi pugni e stendetela in modo da formare un quadrato: disponete al centro la margarina lavorata (tiratela fuori una mezz’ora prima di usarla), piegate verso il centro i quattro lembi per racchiudere il panetto, rivoltate la chiusura sulla spianatoia (così si stende in maniera più regolare) e stendete la pasta nel senso della lunghezza, togliendo l’eccesso di farina dalla spianatoia.
Piegate la sfoglia in tre e avvolgetela nella pellicola, mettetela in frigo e lasciatela riposare per 20 minuti. Riprendete la pasta, giratela in modo che le pieghe si trovino di fronte a voi, stendete in una striscia e piegate ancora in tre. Riponete di nuovo in frigo per circa 20 minuti, quindi ripetete l’operazione un’ultima volta (più riposa tra un giro e l’altro meno fatica farete a stendere). Stendete poi la pasta in un rettangolo di spessore di circa 1 cm e ritagliate dei triangoli di circa 12 cm di lato; se volete farcirli ponete al centro della base un cucchiaino di marmellata e arrotolate i triangoli partendo da qui, facendo attenzione a non stringere troppo. Per i saccottini basta tagliare una striscia di impasto e poi ripiegare su loro stesse le due estremità (come un portafoglio da uomo per capirci).
Sistemate i croissants su una placca o rivestita di carta forno e lasciateli lievitare in ambiente tiepido 1 ora o 2.
Spennellateli con rosso d’uovo allungato con acqua e infornateli a 200° fino a doratura ( circa 20-30 minuti ). Preparate intanto la glassa aggiungendo pochissima acqua allo zucchero a velo; procedete a gocce, in modo da raggiungere la consistenza desiderata.
Una volta fuori dal forno spennellateli con la glassa e sono pronti ad essere gustati.

Io li preparo una volta alla settimana e li mantengo mettendoli in freezer. Potete toglierli la sera prima, se vi trovate in inverno o direttamente la mattina se siete in estate oppure, se possedete un microonde, potete passarli 1 minuto nella modalità scongelamento e sono perfetti come appena usciti dal forno.

Print Friendly, PDF & Email

Protrebbero interessarti:

Ogni tuo commento sarà il benvenuto